Ottimizzazione siti web

L’ottimizzazione delle pagine di un sito web consiste in una serie di attività su tutti gli elementi, interni ed esterni, che complessivamente incidono sulla visibilità del sito stesso.

Per raggiungere i primi posti nei risultati su Google o sugli altri motori di ricerca, in sostanza, bisogna intervenire sia su fattori interni al sito, sia su fattori esterni.

Ottimizzazione siti web: fattori interni (“on page” e “on site”)

Per ottimizzare le pagine di un sito web occorre innanzitutto fare in modo che i contenuti delle singole pagine e la struttura del sito siano facilmente reperibili dai motori di ricerca.

A questo proposito, si parla quindi di ottimizzazione on site, ovvero di ottimizzazione dei fattori “interni” al sito: testi, titoli, struttura di navigazione, link interni, …

Si può anche parlare, più precisamente, di fattori on page per indicare i fattori su cui intervenire all’interno di ciascuna pagina web (principalmente, il codice HTML), per distinguerli dai fattori on site che riguardano più in generale la struttura di navigazione.

Ottimizzazione siti web: Fattori esterni (“off site”)

Accanto alle attività che tendono a favorire l’indicizzazione e il posizionamento delle pagine web grazie all’intervento sui fattori on page e on site, vanno considerate anche tutte le azioni volte a migliorare la visibilità dei contenuti delle pagine web grazie ai link da altri siti.

Gli algoritmi dei motori di ricerca, infatti, interpretano un link dall’esterno come un “voto” attribuito alla pagina che riceve il link, un indice della bontà dei contenuti offerti.

Volendo riassumere, i fattori off site riguardano la quantità e qualità dei link che una pagina web riceve dall’esterno.

Dove è meglio intervenire?

La risposta è piuttosto semplice: in entrambe le direzioni. Si può affermare, infatti, che agire su entrambi i fronti (all’interno e all’esterno del sito) rimane l’unico modo per garantire un miglioramento del posizionamento dei siti sui motori di ricerca nel lungo periodo.

L’esperienza degli anni passati ha dimostrato che i motori di ricerca attribuiscono un’importanza diversa a ciascun fattore: lavorare solo sul codice HTML, quindi, rischia di diventare penalizzante nel momento in cui gli algoritmi dei motori di ricerca attribuiscono un peso maggiore ai link esterni (inbound link).

In linea generale, quindi, ci saranno alcuni motori di ricerca che attribuiranno maggiore importanza ai fattori interni e altri che, al contrario, determineranno i risultati con un occhio di riguardo alle pagine che ricevono più link da altri siti. E non è detto che il peso attribuito a questi fattori su ciascun motore di ricerca rimanga invariato nel tempo.

Mauro Ginelli: chi?

In questo sito troverete qualche considerazione su SEO e ottimizzazione dei siti web, adozione degli Standard Web, Web Analytics e altro ancora.

Il mio profilo su LinkedIn