Tracciare tutte le campagne con Google Analytics

Google Analytics permette di monitorare gli accessi alle pagine dei nostri siti grazie ad alcuni parametri che vanno aggiunti agli URL da diffondere. Con questo sistema risulta quindi possibile tracciare le campagne su qualsiasi mezzo e non solo le campagne Pay Per Click (PPC) con Google AdWords.

Per tracciare le campagne, Google Analytics mette a disposizione cinque parametri da aggiungere agli URL, di cui tre sono obbligatori:

  1. utm_source [obbligatorio]
    serve ad identificare la sorgente da cui proviene la visita alla pagina monitorata (un motore di ricerca, un nome di newsletter, un sito, o un’altra fonte ancora).
  2. utm_medium [obbligatorio]
    va indicato per identificare il mezzo, come può essere l’email, il banner o il CPC (costo per clic).
  3. utm_campaign [obbligatorio]
    aiuta a ritrovare facilmente il nome della campagna nei report; la sua utilità è chiara nei casi in cui si susseguano più campagne nel tempo (es. campagne stagionali: primavera, estate, autunno, inverno), ma può essere impiegato praticamente in ogni occasione
  4. utm_term
    questo parametro consente di tracciare le parole chiave legate alla campagna e risulta quindi utile per le ricerche a pagamento (keyword advertising)
  5. utm_content
    consente di indicare il contenuto del messaggio per differenziare gli annunci o i link che puntano allo stesso URL (ad esempio nei test A/B)
  6. Leggi tutto “Tracciare tutte le campagne con Google Analytics”

Usare WordPress come CMS: una piccola guida

Mi ero ripromesso di utilizzare WordPress come CMS (Content Management System) per tutti i contenuti presenti su questo sito. C’era infatti un’installazione di WordPress, collocata nella directory /blog del sito, mentre le altre pagine, nella root del sito, si appoggiavano a qualche rudimentale script php fatto in casa. Il motivo risiedeva nel fatto che le pagine “statiche” e il blog con WordPress erano stati pubblicati in due periodi di tempo separati e, trattandosi di un sito personale, senza tanti ragionamenti su quale strada fosse meglio seguire e quale piattaforma utilizzare.

Pur con poche pagine da gestire e pochi interventi nel blog (ha quattro anni, ma non li dimostra), il risultato era per nulla soddisfacente e richiedeva il doppio della fatica, a causa dei due sistemi separati. Ad esempio, per inserire una modifica qualsiasi nel codice di tracciamento di Google Analytics, bisognava intervenire sia sul blog, sia nelle pagine php. Da qui, la promessa di perdere un po’ di tempo per uniformare il tutto, sfruttando le funzionalità offerte da WordPress.

Dato che la transizione è ormai completata e tutto il sito è ora gestito dal motore di WordPress, semmai tornasse utile a qualcuno, ecco la trafila che ho seguito per usare WordPress come CMS.

Leggi tutto “Usare WordPress come CMS: una piccola guida”

WordCamp 2009

wordcamp

Ho deciso proprio all’ultimo, ma alla fine ce l’ho fatta: parteciperò al WordCamp 2009, l’evento organizzato a Milano dai ragazzi di WordPress Italy per le giornate di domani (venerdì 22) e sabato 23 maggio. 

Il programma sembra intenso ed interessante, già a partire dai primi interventi della mattinata di domani.

Se qualcuno dovesse passare da quelle parti, mi faccia un fischio che scambiamo quattro chiacchiere.