WordCamp 2009

wordcamp

Ho deciso proprio all’ultimo, ma alla fine ce l’ho fatta: parteciperò al WordCamp 2009, l’evento organizzato a Milano dai ragazzi di WordPress Italy per le giornate di domani (venerdì 22) e sabato 23 maggio. 

Il programma sembra intenso ed interessante, già a partire dai primi interventi della mattinata di domani.

Se qualcuno dovesse passare da quelle parti, mi faccia un fischio che scambiamo quattro chiacchiere.

CSS Naked Day – anno secondo

Mi rendo conto che è da tanto tempo che non aggiorno questo blog.

Mi sforzo oggi di scrivere poche righe per spiegare il motivo per cui il Ginepraio sembra rimasto completamente senza un tema grafico: oggi, 5 marzo 2007, “si celebra” la seconda giornata mondiale senza i fogli di stile (CSS Naked Day). Se seguite il link, potete rendervi conto come all’iniziativa abbiano aderito centinaia di blog e siti da tutto il mondo.

L’idea, promossa da Dustin Diaz, mira a promuovere l’adozione degli standard web: uso di XHTML (meglio se validato), markup semantico, struttura di navigazione chiara e lineare.

Come l’anno scorso, quindi, questo blog oggi appare nudo, senza la (già scarna) grafica del template.

Se siete passati da queste parti nella giornata di oggi, quindi, mi auguro abbiate potuto vedere con i vostri occhi come una pagina creata attenendosi ai dettami degli standard web possa offrire un’esperienza di navigazione completa, non menomata, nonostante l’assenza dei CSS: insomma, quando si dice “separare il contenuto dalla presentazione“…

Ah, piccola rivelazione: stavo per dimenticarmi dell’iniziativa (beh… di fatto, me ne sono dimenticato). Me ne sono ricordato mentre spulciavo gli accessi quotidiani al sito: mi sono balzate davanti agli occhi le tante visite al Ginepraio da Google e altri motori di ricerca con chiavi di ricerca come “CSS Naked Day” e dintorni.

Per fortuna che già l’anno scorso avevo apportato una piccola modifica a WordPress per automatizzare la “scomparsa” dei fogli di stile per il 5 aprile: se volete, basta seguire le semplici indicazioni offerte da Steve Clay.

Technorati Tags: , , ,

Il blog spiegato dai blogger

Non ditemi che c’è ancora qualcuno che passa da queste parti e non è abituale lettore di Nòva del Sole 24 Ore. Non ci credo.

Scherzi a parte, per chi si fosse perso il numero 62 di Nòva, in edicola oggi (1° febbraio 2007), Luca Conti è riuscito a riassumere in un unico articolo i tanti contributi dei blogger che hanno partecipato (Il Ginepraio compreso) al meme da lui stesso lanciato in un commento sul blog di Luca De Biase: “spiega a qualcuno, che non ne ha mai sentito parlare, cosa sono i blog e fallo in non più di 2000 battute”. Rimando direttamente al suo post conclusivo per i dettagli.

Consiglio caldamente di recuperare l’articolo (vedi post su Pandemia), perché il risultato è una bella guida ragionata al blog e a tutto quanto ruota attorno ad esso:

Ciò che emerge è una originale guida al blog: utile per farsi un’opinione a chi non li frequenta e stimolo all’approfondimento da parte di chi il mezzo lo conosce già. Una ricerca collettiva e informale, preziosa per cogliere le varie umanità di cui si compone la blogosfera e l’approccio plurale allo strumento.

WordPress 2.1 in italiano

I ragazzi di WordPress Italy, come di consueto, si sono prodigati per localizzare l’ultima versione di WordPress, rilasciando oggi la versione in italiano di WordPress 2.1, battezzata Ella in onore di Ella Fitzgerald.

Le modifiche apportate, dall’introduzione del salvataggio automatico al nuovo editor e a tutte le altre nuove e migliori funzionalità, sembrano veramente un bel passo avanti.

Spero di trovare in giornata il tempo necessario per l’upgrade del Ginepraio, poi aggiornerò questo post per le prime impressioni.

Update (26/01/2007 – h. 21.45): l’aggiornamento è stato rapido e indolore, come  già avvenuto per le versioni precedenti. L’editor è veramente comodo, con la possibilità di passare nel giro di un clic da un editor WYSIWYG al codice. Tutti i plugin sono per fortuna risultati compatibili. Sarà solo un’impression di questi primi minuti, ma il caricamento delle pagine sembra davvero più rapido. Per le modifiche “dietro le quinte”, invece, servirebbe più tempo e competenza in materia: ma a me mancano sia l’uno che l’altra…

Technorati Tags: , ,

Cos’è un blog

Ringrazio l’amico piccoloimprenditore per avermi coinvolto nel meme divulgativo su “cos’è un blog”, iniziato dai due famosi blogger di nome Luca, De Biase e Conti.
Avverto anticipatamente che il mio contributo, fedele al motto di questo angolo sperduto della blogosfera (poche idee, ma confuse) contiene una serie di errori storici tanto macroscopici da far accapponare la pelle. Diciamo che sono semplificazioni per rendere velocemente un concetto e rimanere entro le 2.000 battute.

Leggi tutto “Cos’è un blog”

La mappa della blogosfera italiana

Nòva n° 56: Big Blog Bang - Genesi dei media dal volto umano

Non posso che complimentarmi con Nòva del Sole 24 Ore, che ha dedicato ampio spazio alla blogosfera italiana nel numero di ieri (n° 56 del 14 dicembre 2006, v. immagine a lato): oltre alla storia di copertina, dal titolo Big Blog Bang – Genesi dei media dal volto umano a firma di Luca De Biase, sono presenti interventi di Paolo Valdemarin e di Luca “Pandemia” Conti, mentre il paginone centrale riporta la prima mappa della blogosfera italiana elaborata da Ludovico “Ludo” Magnocavallo e dai suoi collaboratori al progetto Blogbabel.

Leggi tutto “La mappa della blogosfera italiana”

WordPress MU e bbPress

Due ghiotte novità arrivano dal team di WordPress: WordPress MU (Multi-user) 1.0 e bbPress 0.72.

WordPress MU è la versione ideata (ed ideale) per chi vuole gestire diversi blog con un’unica installazione. Per avere un’idea, WordPress MU è alla base del servizio offerto da WordPress.com.
BbPress, invece, è l’atteso software per la gestione di forum, creato dallo stesso team. Si presenta molto leggero, con un occhio di riguardo agli standard web e l’ormai consueto pizzico di AJAX, ripromettendosi di essere semplice da gestire e personalizzabile, tra temi, plugin e possibilità di essere integrato con WordPress.

Technorati Tags: , ,

Google Reader atto II

Ho appena dato uno sguardo alla nuova versione di Google Reader, annunciata giovedì sul blog ufficiale.

L’anno scorso, proprio in questi giorni, era uscita la prima versione e anch’io avevo scritto un breve post indicando quelli che, per me e tanti altri utenti, potevano apparire i pro e i contro riscontrabili al primo impatto.

Il principale difetto che riscontravo, venendo da una felice esperienza con Bloglines, risiedeva nell’ordinamento cronologico dei post, senza un’intuitiva e rapida catalogazione dei feed in cartelle.

La nuova versione, invece, presenta un’interfaccia folder-based che, assieme alle altre funzionalità che ho potuto solo sbirciare (e apprezzare), per la prima volta incrina il mio ottimo rapporto con il mio adorato Bloglines.

Insomma, mi sa che stavolta potrei cedere agli ammmiccamenti che arrivano da Moutain View…

Technorati Tags: , , , ,

Google Ajax Search API su WordPress

Con il recente rilascio della versione 0.1 di Google Ajax Search API (c’è anche il blog ufficiale) Google ha messo a disposizione di quanti lo volessero inserire all’interno del proprio sito o del proprio blog un modulo di ricerca dinamico, personalizzabile, Ajax based, made by Google. In pratica, si tratta semplicemente di inserire un piccolo script (javascript) e alcune piccole modifiche nel codice HTML.
Mi ero messo perciò in testa di aggiungerlo su questo blog, nella barra laterale, ma ero subito incappato in qualche piccolo problemino di layout: in pratica, il box finiva in fondo alla pagina, generando un lunghissimo spazio vuoto nel mezzo.

Dopo aver analizzato il foglio di stile proposto da Google e averci pasticciato un po’, mi sembra di aver trovato una soluzione al problema semplicemente eliminando alcune dichiarazioni clear: both; dal CSS originario, che ho quindi provveduto a salvare in locale. Il box di ricerca, da oggi, sarà perciò attivo su questo blog.

Quasi quasi potrei provare a realizzare un plugin per WordPress. Può interessare?

Technorati Tags: , , , , ,

Tenere traccia dei commenti nei blog: coComment o co.mments?

Chiunque sia solito seguire numerosi blog, avrà forse avvertito talvolta quella strana sensazione dovuta alla difficoltà di tenere traccia delle conversazioni più interessanti e dei propri commenti sparsi qua e là nella blogosfera. Quando si tratta di conversazioni su forum, infatti, tutto risulta più semplice: l’indirizzo da ricordare è uno solo, i thread sono tutti a portata di click e spesso è possibile impostare notifiche automatiche per essere informati via e-mail della presenza di nuovi contenuti.

Tutte funzionalità che nella blogosfera rischiavano di essere perdute, con quella strana sensazione di cui poco sopra, fino a quando sono arrivati in soccorso, proprio con lo scopo di aiutare a raggruppare e seguire senza sforzi le conversazioni sui blog, due servizi simili tra loro: co.mments e coComment.

Il funzionamento, oltre che simile, è molto semplice. Basta iscriversi (gratis) per avere il proprio account, a cui corrisponderà il proprio feed personalizzato. Sarà poi sufficiente aggiungere questo feed al proprio aggregatore preferito per non smarrire più commenti e conversazioni.

La presenza di comodi bookmarklet pronti per l’uso faciliterà poi l’aggiunta di nuovi commenti e conversazioni al feed personalizzato.

Dovendo scegliere tra i due, alla fine mi sono orientato su coComment, principalmente per tre ragioni.

La prima è la medesima per cui continuo ad usare del.icio.us anziché il pur ottimo ma.gnolia per i miei social bookmark (mi riservo un altro post per tornare sul discorso): c’è una comodissima estensione per Firefox, che consente di aggiungere nuovi commenti al propro feed su coComment con la semplice pressione del tasto destro del mouse.

La seconda è che ho trovato sul sito ufficiale una guida esauriente su come integrare coComment in WordPress e nelle principali piattaforme di blog. Per chi ha un blog, insomma, una comodità in più da offrire ai propri visitatori.

In terzo luogo, ho gradito la presenza di pagine dedicate ai blog più commentati, ai commentatori più assidui e ai tag più frequenti; funzionalità – quella dei tag – molto comoda per etichettare i propri commenti, così da rendere più facile sia la loro archiviazione, sia una successiva ricerca.

Vi sarebbe infine una quarta ragione, ma meno legata a funzionalità: il modulo d’iscrizione a coComment è AJAX based e mi è sembrato più convincente come biglietto da visita per un’applicazione Web 2.0. Lo so, lo so: mi faccio abbindolare dalle mode del web… 🙂

Technorati Tags: , , , , ,